Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Un diario dove annoto, con testi e foto, le tradizioni dell'Umbria, i miei pensieri sull'attualità, qualche buona ricetta e le tante curiosità che attraggono la mia attenzione.

13 Jul

Olivo, asparago selvatico e pollo rustico

Pubblicato da berenice  - Tags:  #Gastronomia

Turione-di-asparago.jpg

L’Umbria è terra di ulivi. Simboli di pace e sostanza di ottimo olio. Attualmente nella regione sono circa trentaduemila gli ettari dedicati alla coltivazione,  ma molti di essi, a seguito delle politiche di disaccoppiamento contributivo decise dall’Unione Europea potrebbero cambiare destinazione.

Bassa produttività e scarsa possibilità di intensificazione colturale per aumentare il reddito, potrebbero far decidere per un abbandono, con conseguenze negative sull’ambiente e sul paesaggio.

Ecco il motivo per cui la Regione dell’Umbria ha finanziato un  progetto sperimentale coordinato dal Parco Tecnologico Agroalimentare (3A-PTA) che ha coinvolto un’ azienda agricola (Azienda agricola Bachetoni di Spoleto) e una di trasformazione agroalimentare (Agria Valnerina tartufi di Vallo di Nera), oltre al Centro di ricerca per l’Olivicoltura di Spoleto (CRA OLI), e al Dipartimento di Biologia Applicata (Zootecnica), dell’Università di Perugia.

L’innovativo progetto, dal titolo “Olivo, asparago selvatico, pollo rustico” ha previsto lo sviluppo di un modello precompetitivo di coltivazione e allevamento consociato di olivo, asparago selvatico e pollo rustico, per migliorare notevolmente la performance economica e ambientale del processo produttivo, rispetto ai singoli allevamenti e coltivazioni.

Asparagi selvatici e polli sono stati fatti crescere insieme sotto agli uliveti, con diversi vantaggi
economici (maggiore produzione), ecologici (concimazione e diserbo naturali e soluzione del  problema della pollina da smaltire) e  con il miglioramento del benessere animale (polli che vivono all'aperto al pascolo, invece che in gabbia).

Nell’ambito del progetto è stata valutata, inoltre, l’efficacia del possibile effetto disinfestante del pollo nei confronti dei parassiti (mosca dell’olivo e criocera dell’asparago).

Gli asparagi selvatici, una volta raccolti, hanno seguito la via della trasformazione, confezionati da soli (surgelati, interi in salamoia) o in abbinamento ad altri prodotti tipici dell’Umbria (tartufi), pronti per entrare nei canali della commercializzazione, diventando disponibili tutto l’anno e non solo nella stagione primaverile.

Il punto forte del progetto è offerto dunque dalla consociazione di colture e dall’integrazione con allevamenti zootecnici. Tali fattori rappresentano un’opportunità per aumentare la biodiversità, la stabilità e la sostenibilità ambientale ed economica dei sistemi agro-ecologici, creando anche condizioni per produrre più alimenti e di migliore qualità.

I risultati del piano pilota verranno presentati in dettaglio venerdì 13 luglio 2012 alle ore 15,30 nel corso di un seminario che si terrà presso il Centro di ricerca per l’olivicoltura(CRA OLI) in via Nursina , 2 a Spoleto (PG).

Nel corso dei lavori verranno presentati il manuale per la coltivazione consociata di olivo, asparago selvatico e pollo rustico e un video che racconterà l'intero periodo di sperimentazione.

Il programma del seminario valido per il rilascio di crediti formativi  è disponibile alla pagina http://www.parco3a.org/Mediacenter/FE/CategoriaMedia.aspx?idc=304&explicit=SI

 

 

Commenta il post

Archivi

Sul blog

Un diario dove annoto, con testi e foto, le tradizioni dell'Umbria, i miei pensieri sull'attualità, qualche buona ricetta e le tante curiosità che attraggono la mia attenzione.