Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Un diario dove annoto, con testi e foto, le tradizioni dell'Umbria, i miei pensieri sull'attualità, qualche buona ricetta e le tante curiosità che attraggono la mia attenzione.

09 Jul

Casali di montagna

Pubblicato da berenice  - Tags:  #Viaggi

la valnerina

 

 

Parto presto, prima dell'alba, per raggiungere la montagna. La provinciale sterrata sale tortuosamente per otto chilometri, serpentina appena tracciata in mezzo al verde dei faggi. Pochi segnali, quasi nessuna barriera di protezione, ché a guardare di sotto ti viene la vertigine.

L'altopiano si apre spazioso, quasi tocca l'azzurro del cielo, e io, una volta arrivata, dirigo i miei passi verso ogni direzione, affamata di mete, illusa di raggiungere quel rimbalzo di cime che scorgo lontane, intersecate una sull'altra in una variazione all'infinito.

Non è solo un luogo estetico la montagna, canto di grilli, cardi, erba medica e trifoglio punteggiati di fiori profumati, è soprattutto spazio di lavoro con i fieni falciati già riposti a destinazione, i cumuli di pietra accatastati dopo la bonifica dei campi, i casali che dominano le grandezze agrarie.

 

Casale l'Usijolu montagna

 

 

Sono al confine tra Vallo di Nera e Cerreto di Spoleto e qui di casali ne vedo parecchi. Sono lì, presìdi d'alta quota, ad assolvere alla funzione di rifugio, a fare da ricovero per gli animali e a contenere i foraggi. Un tempo erano indispensabili per la pastorizia, la lavorazione dei boschi, la raccolta dei tartufi, l'agricoltura;  oggi in più sono punti di riferimento per il trekking escursionistico e usati come rimessaggio per gli attrezzi. Non ancora utilizzati come strutture ricettive, perché mancano di energia elettrica e acqua potabile. 

 

PIC_0539-copia-1.JPG

 

I casali di questo altopiano sono costruzioni in pietra locale, a due piani, con tetti di coppi e mattoni, solai in legno con grosse travi. 

Hanno tante porte per dare indipendenza ai vani, poche finestre ché tanto non sono necessarie. Di fuori, accanto a ogni casale, svetta almeno un albero di testuccio, acero campestre che qui chiamano tristullo

Al piano terra si trovano le vecchie stalle, una dentro l'altra, con le mangiatoie; al piano primo le capanne e una casetta col focolare arredata con vecchie suppellettili un tempo utili ai pastori, ormai cadute in disuso.

 

    interno-casale-montagna.jpg

PIC_0302.JPG

 

Fuori dal casale l'approvvigionamento dell'acqua per gli usi non potabili era assicurato da un pozzo-cisterna (a volte anche da due).

PIC 0300

 

 

C'è pace in montagna, aria pulita, sole che scotta schietto, cespugli di erbe aromatiche che stordiscono di profumo vero, mazzi di finocchio selvatico concimato da relitti di letame ovino, stagliati sui ricami del cielo. Paesaggi naturali e paesaggi plasmati dal lavoro, geometrie rassicuranti. Questa è l'Umbria amata dagli abitanti e dai tanti turisti, che scelgono Paradisi mantenuti da chi ancora crede nella terra e nella sua bellezza. Non solo per merito di chi si vanta di fare buona pubblicità, ma per quel lento e faticoso centellinare quotidiano, che si fa ammaliare più dall'armonia che dal guadagno.

 

finocchio 

 

In basso lungo la strada, l'imposta di un boscaiolo, che provvede a rifornire i focolari di città, in questa estate dove anche la legna, come molta parte del lavoro agricolo, ha prezzi sempre più bassi.

 

legna

 

 

 

Commenta il post

Adriano Maini 07/10/2012 16:14


Significativi angoli di Umbria, di cui si parla poco, però!

berenice 07/11/2012 08:27


Sono il tessuto connettivo della nostra Regione, luoghi discreti e solidi nella loro autenticità.


Mara 07/09/2012 22:53


Che bei posti ...mi ci vorrebbe proprio una settimanella in pace per ricaricarmi nel verde

berenice 07/10/2012 11:04



Quanto al ricaricarsi, non c'è di meglio. Pace, suoni della natura, frescolino e sguardo da gettare lontano che amplia la mente e le sensazioni



Archivi

Sul blog

Un diario dove annoto, con testi e foto, le tradizioni dell'Umbria, i miei pensieri sull'attualità, qualche buona ricetta e le tante curiosità che attraggono la mia attenzione.