Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog

Un diario dove annoto, con testi e foto, le tradizioni dell'Umbria, i miei pensieri sull'attualità, qualche buona ricetta e le tante curiosità che attraggono la mia attenzione. Buona lettura. Agnese Benedetti

27 Aug

1936 l'alluvione della Valnerina

Pubblicato da berenice  - Tags:  #alluvione 1936, #Valnerina, #fiume Nera, #Scheggino, #iscrizioni, #alluvione Firenze 1936, #Pittsburgh

Scheggino, alluvione 1936

Scheggino, alluvione 1936

Il 3 settembre del 1936 la Valnerina fu colpita da una straordinaria alluvione. A Scheggino (PG), uno dei paesi rivieraschi lambiti dal fiume Nera, il pauroso evento viene ancora ricordato da una targa in ceramica che porta il segno dell'altezza raggiunta dalle acque del fiume.

Una curiosità che non passa inosservata passeggiando per le vie del centro umbro.

 

1936 alluvione della Valnerina
Scheggino (PG), il canale Valcasana

Il 1936, bisestile, fu un anno caratterizzato da abbondanti precipitazioni e da nubifragi in tutto il Mondo. Negli Stati Uniti è ancora viva la memoria delle alluvioni di Pittsburgh e di Johnstown che prostrarono le due città nel mese di marzo.

Alluvione 1936 a Pittsburgh (USA)

In Italia la città più colpita fu Firenze con i suoi dintorni: si dovette far  fronte a una muraglia di fango e acqua nel mese di ottobre. Nella cittadina di Silvi in Abruzzo, invece, la grande alluvione si ebbe intorno alle feste di Natale.

Paul Klee, olio su tela, Dopo l'alluvione del 1936

In Valnerina i campi furono inondati dalle acque , così come i centri abitati posti lungo il fiume.

A Scheggino gli scantinati e i piani-terra delle case di via del Borgo vennero completamente allagati. Gli argini non riuscirono a contenere la massa d'acqua del Nera; lo straripamento distrusse ogni coltivazione. Le acque e i detriti, trasportati dal fiume ingrossato dalle piogge, strapparono via oggetti e animali raggiungendo l'altezza di quasi due metri dal piano viario.  La popolazione si rifugiò negli edifici posti in alto e nella case lontane dal fiume.

L'alluvione del 1936 colpì anche Terni. Nell'archivio del Genio Civile si legge la successione di lavori urgenti eseguiti per riparare i danni provocati lungo l'asta del fiume.

La targa di Scheggino è stata dipinta a mano da Fabio Allegretti e si trova a ridosso del fiume, in prossimità del ponte sul Nera. Reca lo stemma del piccolo comune umbro, rappresentato da una torre, e la data dell'avvenimento con la riga rossa che segna l'altezza delle acque. Fu commissionata e collocata anni fa dal geometra Massimo Amadio, cultore di cronache locali. 

Difficile immaginare pienamente la forza dell'acqua in quella circostanza.

 

 

 

 

Commenta il post

Archivi

Sul blog

Un diario dove annoto, con testi e foto, le tradizioni dell'Umbria, i miei pensieri sull'attualità, qualche buona ricetta e le tante curiosità che attraggono la mia attenzione. Buona lettura. Agnese Benedetti