Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Un diario dove annoto, con testi e foto, le tradizioni dell'Umbria, i miei pensieri sull'attualità, qualche buona ricetta e le tante curiosità che attraggono la mia attenzione.

04 Apr

Allergie da pollini, periodi critici e cure

Pubblicato da berenice  - Tags:  #Salute e benessere

 

allergia-polline.jpg

 

 

 

 

Occhi arrossati che lacrimano, naso e gola chiusi, starnuti, tosse e nel peggiore dei casi anche attacchi di asma.

Sono i sintomi delle allergie da polline, che soprattutto in primavera colpiscono migliaia di persone.

Con la fioritura delle piante, i granuli pollinici vengono trasportati dal vento, restano sospesi nell'aria e a causa delle loro dimensioni microscopiche vengono facilmente inalati con il naso.

Le principali famiglie botaniche che scatenano le allergie sono rappresentate dalle Graminacee, dalle Urticarie e Oleacee, ma a esse si aggiungono  i pollini di noccioli e carpini, di ontani e betulle, di cipressi, di composite e di pini.

Così diventa difficile evitare di ammalarsi, considerato che queste piante sono presenti dappertutto, in campagna come in città. Allora sarà importante evitare i periodi critici di massima concentrazione dei pollini, soprattutto quando ci sono giornate particolarmente ventilate o dopo un acquazzone, perché la pioggia rompe i granuli dividendoli in maggiori frammenti. 

Come prevenire e quali cure adottare?

Le ore in cui è meglio restare al chiuso sono quelle che vanno dalle dieci alle sedici, orario di maggiore concentrazione pollinica, mentre i mesi in cui porre la massima attenzione variano da pianta a pianta. Una volta stabilito con un test cutaneo allergodiagnostico qual è il polline da evitare, meglio chiudere finestre e finestrini dell'auto e aspettare che passi la buriana.

ATTENZIONE AI PERIODI A RISCHIO

  • Nocciolo e cipresso, da gennaio a fine marzo
  • Olmo, da metà febbraio ad aprile
  • Pioppo e salice, da marzo a fine maggio
  • Parietaria o muraiola, da maggio a settembre
  • Betulla, da aprile a metà giugno
  • Platano, pino, quercia, faggio, da metà maggio a metà agosto
  • Piantaggine, acetosa, da marzo a giugno
  • Graminacee, da metà maggio a metà settembre
  • Tarassaco, da maggio a giugno
  • Ortica, da maggio a settembre.

Cure:

Tra i rimedi più usati dopo aver individuato l'allergene responsabile, ci sono gli antistaminici assunti per bocca che contrastano l'istamina oppure gli spray nasali antinfiammatori, a base di cortisone da preferire a quelli decongestionanti, e i colliri che attenuano i sintomi di bruciore e prurito.  Tosse e difficoltà respiratorie si placano con spray antinfiammatori e broncodilatatori.

In omeopatia si può attuare la prevenzione con l'assunzione di Poliensi, composto da sette pollini tra i più diffusi oppure  con le gocce di Ribes Nigrum e fiale di Manganese Oligoelemento.

Anche in questo caso, come per il trattamento omeopatico a carico dei sintomi, è bene non fare da soli ma ascoltare i consigli di uno specialista, sia esso omeopata, sia medico o farmacista.

Commenta il post

Archivi

Sul blog

Un diario dove annoto, con testi e foto, le tradizioni dell'Umbria, i miei pensieri sull'attualità, qualche buona ricetta e le tante curiosità che attraggono la mia attenzione.