Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Un diario dove annoto, con testi e foto, le tradizioni dell'Umbria, i miei pensieri sull'attualità, qualche buona ricetta e le tante curiosità che attraggono la mia attenzione.

08 Sep

Tutto in vendita. Ce...cerco una donna!

Pubblicato da berenice.over-blog.it  - Tags:  #Racconti

1946330496_d68c3dfef8.jpg

Torno a casa verso l’ora di pranzo da una riunione che si è prolungata un po’ troppo rispetto agli effetti che doveva conseguire. Mentre guido allungo l'indice sul pulsante della radio per sentire canzoni, preferibilmente italiane, perché oltre alla musica mi piace ascoltare e comprendere bene anche le parole.

Pigio ripetutamente e mi fermo sulla frequenza di una Radio locale. Sentiamo cosa dicono.

Mi trovo nel mezzo di un mercatino dell’usato, condotto con fare disinvolto e divertente dalla voce di punta dell’emittente, che ha il pregio di dare a tutti del tu e di tenere (almeno da quanto sembra via etere) un rapporto di amicizia con i numerosi ascoltatori che affollano la linea telefonica. 

- Pronto? Buongiorno, offro questo, offro quello.

Sin dalle prime battute viene fuori uno spaccato sociale che forse neanche Max Weber avrebbe disdegnato di esaminare: le impegnative indagini sui comportamenti, talvolta, potrebbero essere superate da una semplice pressione sul comando dell’accensione di un’autoradio.

Per quasi un’ora, divertita dall'inflessione genuinamente dialettale e dalla singolarità di alcuni prodotti immessi in commercio, ascolto telefonate e annunci su oggetti di cui disfarsi  o messi in vendita per incassare soldi da spendere altrove. Il ricavato servirà per appagare i desideri fuori badget o per arrotondare qualche magro salario. Oppure avrà almeno il pregio di liberare scatoloni e scaffalature da abitazioni gravide di arnesi. Sta di certo che molte cose, fino a qualche tempo fa finivano nella spazzatura o al massimo nel camioncino compiaciuto di uno svuota cantine, mentre oggi, con la crisi che c’è, da ogni oggetto inutilizzato si cerca di ottenere almeno un piccolo riscontro.

 

Alla radio arrivano richieste di lavoro: richieste nuove avanzate per la prima volta  o istanze vecchie ripetute all’infinito e rimaste senza risposta. 

Continuo a guidare e ascolto. Che possono cercare e offrire su questa Piazza degli Affari gli abitanti di una città a sfondo industriale?

- Mi chiamo Giorgio e cerco un lavoro da lavapiatti.

In barba alle lavastoviglie ultraefficienti, commento mentalmente.

Il Giorgio riattacca e due o tre straniere si propongono come badanti, una ragazza italiana chiede di fare la babysitter  e una signora, anch’essa del luogo e giovane sembra, pulirebbe le camere, se trovasse. Poi è la volta di un sessantenne, munito di patente C, che si propone come autista o custode di villa.

Almeno certi mestieri, dopo tanti anni di rifiuto,  anche gli italiani ora tornano a guardarli con rispetto.

Gli aspiranti lavoratori e i venditori dell'usato forniscono il numero di cellulare e sperano fiduciosi. 33 14 78 3... C’è chi il numero lo sa dire solo scandendo le cifre a coppia, anzi a coppiette, o sa farlo solo a tre a tre,  suscitando l'ilarità di chi a quelle telefonate risponde direttamente.  Ma per tutti ci sarà poi la possibilità di vedere con comodo i prodotti elencati in un portale elettronico, per scegliere e valutare comodamente.

 - Vendo una coppia di faraone… 

 - Egiziane? - fa il conduttore con una battutella che ai saldi la troveresti scontata del 70%.

  No, sono de la stalla mia - risponde l’anziano allevatore che ignora la freddura e che arrotonda giudiziosamente la pensione facendo crescere qualche volatile genuino. Chi sa fare può ben campare. E rilancia offrendo anche due germani reali, un maschio e una femmina.

- Metto in vendita macchina Singer - telefona una signora. Le care vecchie Singer o Necchi che per far risparmiare le famiglie hanno cucito camicie, vestiti, mutate, fatto orli, rivoltato colletti e che passavano da madre a figlia, ormai non servono più, quasi nemmeno come cimelio domestico. Però c’è chi le compra, anche se non le ha mai usate, magari per esibilirle come soprammobili.

Il telefono continua a trillare ed è la volta di una mamma:

- Cerco lavoro per mio figlio di venti anni.  

Fornisce il recapito dettagliato, ovviamente comprensivo di numero telefonico.

L’annunciatore controlla nell’archivio e trova un vecchio annuncio:

 - Ma lo cercava pure quattro anni fa, il lavoro, com’è non l’ha ancora trovato?

-  No, sta aspettando.

- Intanto almeno avrà preso la patente di guida!

- Non ancora, mancano i soldi per l’autoscuola.

Come il cane che si morde la coda.

La città è industriale ma qui le cose mica vanno tanto bene.

Affitto vacche maremmane, quelle con le corna lunghe, e una coppia di buoi per le manifestazioni.

Come cambia il mondo, la fatica del vecchio lavoro agricolo si è trasformata in stagionali rievocazioni folkloristiche che dell’autenticità hanno conservato solo l’apparenza.

- Cerco due femmine di porcellina … - e un altro aggiunge: - Io vendo un aratro a mano, un erpice a maglie e una troia…

Ah, la femmina del maiale! Touché. Che potevano chiedere in coro a chiarimento i radioascoltatori, cavalcando una taccia di successo? 

- Una adatta a fare il Bunga, bunga?

Suvvia, questo  rituale propiziatorio di origine araba ha proprio stufato e poi non porta bene. Meglio tacere.

Anzi meglio dare attenzione a chi vende tre aziende in Romania ( che non si sa mai, potrebbero rendere bene) o a chi regala un cagnolino di cinque mesi, Labrador nero che  -Pronto, pronto, mi sente? Il veterinario dice che è maschio, che è sfortunato porello e che je menano…  Ahi!

- Buongiorno, affitto appartamento a Narni, 450 euro al mese.

- Io vendo testata matrimoniale a sei palle.

- Salve, confeziono bomboniere con confetti.

Segue un moderato silenzio e la pubblicità di Brico che fa gli sconti del 20% con Euronics che lancia elettronica a prezzi stracciati, quando il telefono torna a squillare.

- Pro, pro, pronto? So’ Giovanni … (e dà il numero di telefono)

- Ciao Giovà, che mi dici?

- Ce, cerco una donna. Anche straniera. Sbrigatevi a trovarla che io ritelefono, non posso sta più senza compagnia!

  

Commenta il post

Archivi

Sul blog

Un diario dove annoto, con testi e foto, le tradizioni dell'Umbria, i miei pensieri sull'attualità, qualche buona ricetta e le tante curiosità che attraggono la mia attenzione.