Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Un diario dove annoto, con testi e foto, le tradizioni dell'Umbria, i miei pensieri sull'attualità, qualche buona ricetta e le tante curiosità che attraggono la mia attenzione.

05 Feb

La ricetta della crescionda spoletina

Pubblicato da berenice  - Tags:  #Gastronomia

 

crescionda-spoleto.jpg

 

 

La crescionda è un dolce tradizionale che si prepara a Spoleto da tempi molto remoti. Nato nel periodo carnevalesco viene ormai consumato tutto l'anno sia nelle famiglie sia nei ristoranti della zona. Basta entrare in qualsiasi pasticceria o panetteria della città per trovare un piattino con la crescionda che fa bella mostra di sé.

La ricetta più antica prevedeva l'impiego di ingredienti all'apparenza contrastanti tra di loro come il brodo di gallina e lo zucchero uniti al pangrattato, ma oggi le versioni hanno subito delle variazioni piuttosto consistenti introducendo il componente principale che è il cioccolato. Ciò nonostante ogni famiglia continua ad avere una propria ricetta, simile per grandi linee alle altre ma portatrice ognuna di qualche piccolo segreto.

L'impasto posto a cuocere nel forno ha una consistenza piuttosto liquida che conferisce tanta morbidezza cremosa al dolce finito. La presenza di un quantitativo minimo di farina regala una particolarità estetica alla crescionda che, tagliata, presenta al centro della fetta una sottile striatura bianca al di sotto della crosta scura e al di sopra dello strato di cioccolato più chiaro.

 

Per chi volesse cimentarsi nella preparazione della crescionda  ecco l'elenco degli ingredienti da amalgamare tra di loro e poi cuocere in forno a 180° per circa 40 minuti, facendo ben raffreddare prima di servire per permettere alla parte molle di rassodarsi. 

6 uova (montare gli albumi a parte)

2 cucchiai di mistrà

1 goccio di rum

7 cucchiai di zucchero

3 cucchiai di farina

1 litro di latte

due ettogrammi di cioccolato fondente grattugiato

1 pizzico di cannella

1 bacca di vaniglia o 1 bustina di vanillina

1 limone non trattato, grattugiare la buccia e spremere il succo

1 pizzico di sale

1,5 bustine di lievito istantaneo per dolci

2 ettogrammi di amaretti ridotti in polvere

Pan grattato e olio per ungere la teglia oppure un foglio di carta forno 

 

 

 

 

Commenta il post

monica c. 02/07/2013 14:32


brodo di gallina? non voglio pensarci....

berenice 02/08/2013 22:10



Altri gusti! Anche se pure oggi si mangia di tutto...



Archivi

Sul blog

Un diario dove annoto, con testi e foto, le tradizioni dell'Umbria, i miei pensieri sull'attualità, qualche buona ricetta e le tante curiosità che attraggono la mia attenzione.