Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog

Un diario dove annoto, con testi e foto, le tradizioni dell'Umbria, i miei pensieri sull'attualità, qualche buona ricetta e le tante curiosità che attraggono la mia attenzione. Buona lettura. Agnese Benedetti

21 Apr

I tritoni in amore della Valnerina

Pubblicato da berenice  - Tags:  #Viaggi, #Curiosità umbre

I tritoni in amore della Valnerina

Camminando per i sentieri della Valnerina può capitare di imbattersi in questi piccoli anfibi della famiglia delle Salamandracee: i tritoni.

A Primavera, stagione dell'amore, gli animaletti abbandonano le radici degli alberi, dove si sono rifugiati l'inverno, e si trasferiscono nell'acqua per deporre le uova sopra le foglie nelle paludi e nei ruscelli a lento scorrimento. 

Ai maschi, pronti per la riproduzione, è cresciuta una cresta sulla linea mediana dorsale e sulla lunga coda, come carattere sessuale secondario, ma le femmine verranno fecondate esternamente, senza un vero accoppiamento fisico, con la deposizione di una spermatofora da parte del maschio che verrà semplicemente raccolta.

Nei tritoni crestati (Triturus Carnifex), dove non si arriva all'amplesso, i maschi si ingegnano a mettere in atto un elaborato corteggiamento, seducendo la femmina prescelta con l'esibizione della livrea nuziale, la secrezione di feromoni e piccoli colpi di coda sul capo della compagna. Lo scopo è semplicemente di indurla ad accettare la spermatofora (struttura gelatinosa che contiene lo sperma) che il maschio depone quando, in segno di consenso, la prescelta tocca con il muso la punta della loro coda.

Focus.it

Tutta la Natura è in fermento e in questa parte d'Umbria le scoperte sono infinite, alta è la biodiversità. 

I tritoni in amore della Valnerina
I tritoni in amore della Valnerina
I tritoni in amore della Valnerina
Commenta il post

Archivi

Sul blog

Un diario dove annoto, con testi e foto, le tradizioni dell'Umbria, i miei pensieri sull'attualità, qualche buona ricetta e le tante curiosità che attraggono la mia attenzione. Buona lettura. Agnese Benedetti