Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Un diario dove annoto, con testi e foto, le tradizioni dell'Umbria, i miei pensieri sull'attualità, qualche buona ricetta e le tante curiosità che attraggono la mia attenzione.

06 Mar

Terremoto: le opere d'arte salvate in Mostra alla Rocca di Spoleto

Pubblicato da berenice  - Tags:  #Curiosità umbre, #Attualità, #Cultura e spettacolo

Il Bossolo del Magistrato proveniente dal Museo della Castellina di Norcia è un raffinato prodotto di arte e artigianato locale del XVI secolo. All'interno del coperchio le immagini di San Benedetto e Santa Scolastica, patroni di Norcia, sui cassetti il leone stemma della Vetusta Nursia. L'urna elettorale o bossolo veniva usata per eleggere il Magistrato della città (foto di Mirella Castrichini)

Il Bossolo del Magistrato proveniente dal Museo della Castellina di Norcia è un raffinato prodotto di arte e artigianato locale del XVI secolo. All'interno del coperchio le immagini di San Benedetto e Santa Scolastica, patroni di Norcia, sui cassetti il leone stemma della Vetusta Nursia. L'urna elettorale o bossolo veniva usata per eleggere il Magistrato della città (foto di Mirella Castrichini)

 

Sono scampate ai crolli e alle scosse di terremoto che non è riuscito a infrangere la loro suggestiva bellezza.

Sette opere d'arte salvate dalla furia del sisma, tra le 4.000 recuperate e per l'Umbria conservate nella struttura regionale di Santo Chiodo di Spoleto, dal 5 marzo 2017 sono esposte alla Rocca Albornoziana di Spoleto negli spazi del Museo Nazionale del Ducato.

La Mostra si intitola Scoprendo l'Umbria ed è un progetto promosso dalla Regione Umbria quale messaggio positivo di una terra che reagisce agli eventi sismici con la forza del suo patrimonio culturale, sostenendo e valorizzando la grande rete museale regionale costituita da oltre 170 tra musei, ecomusei e siti archeologici.

'Ospiti in Rocca' è una prima esposizione di sette opere provenienti dai territori delle Marche, del Lazio e dell'Umbria colpiti dal sisma. Una testimonianza di solidarietà tra i territori accomunati da un evento così tragico, ma anche da comuni radici culturali e artistiche.

L'esposizione si compone di opere selezionate secondo diverse tipologie, ma tutte ricche di un altissimo significato simbolico: il Crocifisso ligneo del XVI secolo proveniente dalla Chiesa di Sant'Anatolia di Narco, la Madonna con Bambino del XVI secolo da Avendita di Cascia, l'Annunciazione di Andrea della Robbia dal Museo della Castellina di Norcia, nonché il raffinato dipinto su tavola di Nicola di Ulisse da Siena, Madonna col Bambino dal Museo diocesano di Ascoli Piceno e San Sebastiano della seconda metà del '600 proveniente dal territorio di Amatrice, la Madonna della Misericordia con i Santi Venanzio e Sebastiano proveniente dal Museo Civico di Camerino e il Bossolo del Magistrato dal Museo della Castellina di Norcia.

Dal 9 aprile la prima sezione di Ospiti in Rocca confluirà nella Mostra Tesori della Valnerina, nella quale saranno esposte opere recuperate dopo il terremoto da chiese e musei e restaurate.

La Mostra Ospiti in Rocca è organizzata da Regione Umbria, Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del turismo, Archidiocesi di spoleto-Noria e Comune di Spoleto. La produzione è affidata a Sistema Museo.

 

 


Solo una piccola parte dell'Umbria (15 Comuni) ha avuto danni diretti dal terremoto e, anche se le immagini delle chiese gravemente danneggiate della Valnerina hanno colpito il cuore di tutti, la volontà della comunità umbra è di non farsi piegare dagli eventi e di continuare a valorizzare il proprio patrimonio storico e artistico. Alle ferite del sisma enti e cittadini reagiscono invitando tutti gli amanti dell'Umbria a visitare i musei e i monumenti che sono aperti, vitali e offrono uno straordianrio spaccato di storia, arte, ambiente e tradizioni.

Nelle foto, la Madonna della Misericordia di Ascoli Piceno, il Crocifisso di Sant'Anatolia di Narco, la Madonna con Bambino di Avendita, l'Angelo di Norcia
Nelle foto, la Madonna della Misericordia di Ascoli Piceno, il Crocifisso di Sant'Anatolia di Narco, la Madonna con Bambino di Avendita, l'Angelo di Norcia
Nelle foto, la Madonna della Misericordia di Ascoli Piceno, il Crocifisso di Sant'Anatolia di Narco, la Madonna con Bambino di Avendita, l'Angelo di Norcia
Nelle foto, la Madonna della Misericordia di Ascoli Piceno, il Crocifisso di Sant'Anatolia di Narco, la Madonna con Bambino di Avendita, l'Angelo di Norcia

Nelle foto, la Madonna della Misericordia di Ascoli Piceno, il Crocifisso di Sant'Anatolia di Narco, la Madonna con Bambino di Avendita, l'Angelo di Norcia

Commenta il post

Archivi

Sul blog

Un diario dove annoto, con testi e foto, le tradizioni dell'Umbria, i miei pensieri sull'attualità, qualche buona ricetta e le tante curiosità che attraggono la mia attenzione.