Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Un diario dove annoto, con testi e foto, le tradizioni dell'Umbria, i miei pensieri sull'attualità, qualche buona ricetta e le tante curiosità che attraggono la mia attenzione.

23 Apr

San Giorgio di Cascia e la festa del suo santo

Pubblicato da berenice  - Tags:  #Tradizioni

San Giorgio di Cascia e la festa del suo santo

Per arrivare a San Giorgio di Cascia bisogna salire a più di 900 metri di altitudine, ma arrivati lassù è tutto incantevole. Un paese raccolto intorno alla chiesa del Santo a cui la piccola frazione montana deve il suo nome: il martire Giorgio che si festeggia il 23 aprile.

Il culto del Santo fu portato quassù, nelle contrade dell'Appennino, sin dal V secolo quando numerosi eremiti arrivarono dalla Cappadocia stanziandosi nell'Umbria meridionale, tra Spoleto e la Valnerina. L'immagine del cavaliere che uccide il drago (simbolo del paganesimo) per salvare la principessa chiedendo la conversione al cristianesimo - come racconta la Legenda Aurea di Jacopo da Varagine - ha da sempre rappresentato la lotta fra il bene e il male ed è diventata anche l'emblema dei Crociati oltre che dei guerrieri longobardi. Proprio in questa fascia geografica tra l'Umbria e Lazio la venerazione dei Santi sauroctoni comprende anche l'Arcangelo Michele e San Felice che uccise il drago della Val di Narco.

La piccola comunità umbra ogni anno fa festa per il Santo patrono, a partire dalla sera della Vigilia quando i paesani allestiscono un grande falò, chiamato focaracciu, che fanno bruciare nella notte mentre consumano cibo e vino per stare insieme. Dal fuoco acceso per il patrono, i partecipanti prelevano un tizzone ancora ardente e lo portano a casa come segno di protezione. Un tempo al grande focaracciu facevano da corona decine di piccoli falò incendiati nei campi per scongiurare l'attacco delle 'rughe' alle coltivazioni e per propiziarsi, così, il buon raccolto.

Nelle foto: l'affresco della chiesa di San Giorgio che raffigura il martire mentre dal cavallo infilza il terribile drago (Lavalnerina.it) e il falò acceso la notte della Vigilia della festa (Stefano Veschini).

Il falò acceso a San Giorgio di Cascia nella serata del 22 aprile, Vigilia della festa del Santo patrono Giorgio

Il falò acceso a San Giorgio di Cascia nella serata del 22 aprile, Vigilia della festa del Santo patrono Giorgio

Commenta il post

Archivi

Sul blog

Un diario dove annoto, con testi e foto, le tradizioni dell'Umbria, i miei pensieri sull'attualità, qualche buona ricetta e le tante curiosità che attraggono la mia attenzione.